Leonard Matlovich e Harvey Milk

Due attivisti per la causa LGBTQ; due grandi esempi di attivismo politico e sociale

Leonard Matlovich ( 6 luglio 1943 -22 giugno 1988) è noto per le sue battaglie per l’affermazione dei diritti LGBT ed in particolare contro l’esclusione degli omosessuali dalle forze armate degli Stati Uniti e per essere stato il primo membro dichiaratamente gay nelle forze armate a fare coming out.

Sulla sua lapide non è registrato il suo nome, in quanto essa vuole rappresentare un monumento dedicato a tutti i soldati gay, non, esclusivamente ad uno soltanto. Nella lapide si legge: “Quando ero nell’esercito, mi hanno dato una medaglia per aver ucciso due uomini e un licenziamento per averne amato uno“.

Insieme ad Harvey Milk ( 22 maggio 1930 – 27 novembre 1978 ) primo componente delle istituzioni statunitensi ( consigliere comunale di S. Francisco), dichiaratamente gay e brutalmente assassinato assieme al sindaco di San Francisco essi rappresentano l’ideale da perseguire nell’attivismo per i diritti della comunità LGBTQ e di tutte quelle minoranze a cui i diritti fondamentali, sono ancora negati.

Se non ti mobiliti per difendere i diritti di qualcuno che in quel momento ne è privato, quando poi intaccheranno i tuoi, nessuno si muoverà per te. E ti ritroverai solo”. -H. Milk-

Seguimi se vuoi sul mio profilo Instagram:

https://www.instagram.com/paolo_bran_veneziani/

Pian piano. Perdersi!

È così che ci si perde sai.

Tra una parola non detta

e una parola detta di troppo.

Tra un’attenzione mancata

e un sentimento non dimostrato.

Tra un’emozione taciuta

e un eccesso di rabbia esternato.

È così che ci si perde.

Per orgoglio.

Per non saper chiedere scusa.

Per non saper rimediare

ad un errore che ha ferito chi ci ama.

Ci si perde un pezzetto alla volta.

Fino ad arrivare a un punto in cui

non si riesce più a tornare indietro.

Fino ad arrivare a un punto in cui

non ci si riesce più a ritrovare.

È così che ci si perde.

Seguimi sul mio profilo Instagram:

https://www.instagram.com/paolo_bran_veneziani/

Autunno

C’è una luce diversa nell’autunno. C’è una velleità di tregua, un bisogno di lasciare le folle estive, di avvolgersi nei suoi colori, di muovere passi leggeri sui dorati viali alberati della campagna, di rientrare delicatamente dentro noi stessi.
In autunno dovremmo poter misurare il tempo con gli alberi:
“Dr. Veneziani quanto manca alla consegna del suo lavoro?”
…..”due foglie”
🍂✨🍁

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: