Pietre Forate, Tradizione e proprietà

Le pietre con fori prodotti naturalmente dall’erosione del vento o delle acque sono state apprezzati come amuleti protettivi sin dai tempi più remoti. I posti migliori dove trovarle sono ovviamente i sentieri di montagna, i ruscelli, sulle rive dei laghi e del mare.

Nella tradizione esse vengono chiamate “Pietre di Diana“, la dea che protegge e inizia all’arte della guarigione e della divinazione. Trovare una pietra forata è considerato un dono della dea stessa.

Come amuleto, il suo scopo principale è sempre stato quello di proteggere la persona che lo indossa dagli spiriti maligni. Era infatti abitudine appenderle alla porta d’ingresso, sulle culle dei neonati o indossarla come ciondolo.

Detto in generale si dice che protegge dalle malattie e porta fortuna, prosperità e benessere psicofisico.

La leggenda vuole che quando si rompe essa ha usato il suo potere per proteggere una vita.

Un’altra leggenda narra che queste potenti pietre portino il dono della vista psichica per chiunque guardi attraverso il loro foro.

Si dice che se una persona guarda attraverso il foro sotto la luce della Luna piena, può vedere il mondo fatato del “piccolo popolo” fate e elfi, e nel contempo avere mirabili visioni.

ATTENZIONE. Affinché le pietre forate ci regalino i loro doni è però necessario che chi le cerca o chi le trova, sia una persona che rispetti la natura e protegga la Terra.

In poche parole, per fare solo un esempio, non si lasciano gli avanzi del picnic 🧺 a terra, ma si raccolgono e li si getta negli appositi bidoni. Magari, se proprio volete, potreste anche raccogliere, armati di un bel sacco d’immondizia, la plastica, i rifiuti non degradabili, i mozziconi di sigaretta che alcuni imbecilli lasciano nel bosco o sulle rive di fiumi, laghi o del mare. Ricordate, la Terra è la nostra unica casa e dobbiamo difenderla, diventando veri e propri esempi di virtù ambientalista e coscienza civica.

“Do ut Des” in poche parole significa:

“Cara Terra io ti proteggo, rispetto la natura, i suoi abitanti animali, gli alberi, le acque, la tua atmosfera, per essere da te sempre sorretto e sostentato”

Provateci, sperimenterete sicuramente che questo modo di agire nei confronti del nostro pianeta, vi donerà presto tutti i suoi doni.

Siamo figli della Terra e come ogni madre che si rispetti, essa anela al nostro bene ma lo fa solo con le persone che le dimostrano un amore figliale.

Tutti hanno diritto ad avere diritti!

Le persone di colore hanno lottato contro l’apartheid perché soffrivano e venivano maltrattati e umiliati per qualcosa riguardo alla quale non potevamo farci niente.

È lo stesso per l’omosessualità.

L’orientamento è qualcosa che è in noi, non una questione di scelte.

Sarebbe folle per qualcuno lo scegliere di essere gay, considerando l’omofobia che ancor ora imperversa nell’attuale società!

ANGELI VESTITI DI BIANCO

Dedicato a coloro che scrivono:

“Ma quali angeli! Quali eroi! Fanno solo il loro lavoro”.

Portare conforto umano, tenere compagnia, ascoltare i drammi dei pazienti. Portare messaggi ai famigliari. Creare presepi nelle camere e tanto altro ancora.

Queste azioni NON fanno parte del loro contratto…eppure..quindi, sciaquatevi la bocca prima di fare i fenomeni impeccabili. Sono DAVVERO degli eroi!

Lo scrivo per esperienza personale, Mai ho visto il personale medico e paramedico prodigarsi in maniera così disinteressata per permettere al paziente di sentire o vedere tramite videochiamata i propri cari.

Ma avete visto la percentuale delle morti tra il personale sanitario? È altissima, spezza il cuore, eppure, ancora c’è chi li denigra, chi va all’ospedale e si spazientisce per un ritardo di 10 minuti, ancora, esistono beceri individui che insultano l’infermiera che abita nel loro stesso palazzo, etichettandola come “untrice”.

Io li ho visti, questi angeli vestiti di bianco, indaffarati, sudati, provati mentalmente, stanchi, disponibili. Dottori che per aiutare il personale paramedico a far si che le norme di sanificazione anti Covid siano rispettate, si rendono disponibili a disinfettare lettini, superfici, pavimenti, strumentazione medica ecc, solo per non creare troppi ritardi tra un appuntamento e l’altro.

No, è vero, non sono eroi, sono ANGELI.

Chi li insulta, chi li denigra, chi si “scazza” per degli inevitabili ritardi, dovrebbe solo vergognarsi della propria mancanza di umanità e di intelligenza.

Non tutti possono svolgere questo lavoro. Esso richiede forza, intelligenza e compassione. Significa prendersi cura dei malati del mondo con passione, fare loro del bene, dimenticando quanto possa essere estenuante tutto questo, alla fine della loro giornata.

Potremmo dimenticare i vostri nomi ma non dimenticheremo mai i vostri visi stanchi, sfiancati ma con gli occhi ancor pieni di determinazione e forza, ne mai dimenticheremo il bene, la compassione, l’empatia che ci avete donato.

GRAZIE 🙏

Non mi interessa essere capito. Mi interessa essere. Capito!

Le apparenze sono il fondamento di quel che sappiamo degli altri e di ciò che gli altri sanno di noi. Un velo che maschera la sostanza del reale o, addirittura, una patologia della modernità. L’alienazione insita nella società dello spettacolo, in cui la manipolazione e la menzogna oscurano la realtà autentica dei soggetti.

Essere è l’identità della persona, la sua intima natura, ciò che si è; apparire è il mettersi in vista, avere l’apparenza, sembrare ma anche mostrarsi. Attraverso l’essere esprimiamo la nostra identità, un modo di vivere personale e necessario, la nostra unicità, il nostro contenuto, ma vivendo di relazioni anche l’apparire diventa una manifestazione necessaria.

IL RIFERIMENTO DELLE IMMAGINI IDOLO

La società è basata su una cultura fatta di modelli ed icone, generati dal mondo della pubblicità, dello sport, dello spettacolo, della televisione. Un mondo “preconfezionato” in cui esistono regole e format che ti inquadrano in un target o in un altro.

L’apparire è l’emblema di uno status, derivante da molta solitudine. Apparendo come, o meglio di altri, ci sentiamo meno soli. Credendoci migliori, ci illudiamo costruendoci una maschera in cui crediamo veramente.

Ma, alla fine, la vita presenta il conto mettendoci in condizioni di riflettere e capire come effettivamente andrebbe vissuta.

UN REALITY FAI DA TE

Grazie a pc, tablet e smartphone, condividere fotografie e pensieri con il resto del mondo è molto semplice. È un’abitudine consolidata tra i giovani, che negli ultimi tempi ha contagiato anche gli adulti.

Non si tratta però solo di evoluzione tecnologica: è anche un fenomeno di costume, figlio della società in cui viviamo, basata sull’immagine e sull’apparire più che sull’essere.

NELL’ERA DEI SOCIAL NETWORK

L’espressione di sé e la conoscenza degli altri attraverso il web, oggi più che mai, hanno reso le proprie idee quasi un nuovo volto, da rendere bello e accattivante.

Quanti di noi hanno Instagram o Facebook? E quante volte, vedendo i post di altre persone, abbiamo provato invidia? O rabbia? O qualsiasi altra reazione?

Eppure, non ci siamo mai fermati a pensare che vediamo ciò che loro vogliono farci vedere. Conosciamo ciò che loro vogliono farci conoscere.

Con l’avvento dei Social Media, la possibilità di realizzare maschere destinate a mettere in mostra o modificare la nostra identità, ci viene servita su un piatto d’argento.

Al punto d’arrivare a presentare sempre più frequentemente un’immagine di noi che è solo una distorsione rispetto alla realtà.

“Chi vede un gigante esamini prima la posizione del sole e faccia attenzione a che non sia l’ombra d’un pigmeo”.

IL BISOGNO DI APPARIRE

Si può avere la vita peggiore del mondo, ma ciò che conta è che non sia visibile agli occhi degli altri. Viene esibito solo il bello della propria esistenza.

Condividere particolari della propria vita privata, anche se banali e ripetitivi, per cercare costanti attenzioni e conferme su di sé, sulla propria bellezza e simpatia. Ma, soprattutto, sulla possibilità di piacere ancora e di sentirsi desiderati e desiderabili.

Ciò che conta è apparire, ed apparire il più possibile.

REALE O FITTIZIO?

La realtà nell’essere veramente desiderato non esiste. Anche se puramente illusoria, la gente si comporta come se non vi fosse differenza, confondendo completamente il reale col fittizio.

L’equivoco non sta nel vero o nel falso, ma nel fatto che quella che viene scambiata per realtà rimane semplicemente virtualità.

Forse ci siamo persi in un riflesso

Perché siamo molto più di quello che mostriamo.

Anzi, siamo sicuramente meglio di quello che mostriamo.

“Fuori dalle mura domestiche, la vita è un festival delle apparenze”.

Ma prima o poi, arriva sempre il momento in cui lo smartphone scompare, lasciando spazio alla realtà come effettivamente è.

Niente più foto, niente più Photoshop o filtri e niente azioni strategiche, ma semplicemente la purezza dell’essere.

Solo allora ci rendiamo conto che è attraverso l’essere che esprimiamo davvero la nostra identità.

Dovremmo ormai averlo capito: condividere foto di sorrisi non ci rende più felici e nemmeno immortalare un bacio rende il nostro amore più vero e profondo.

Quando viviamo un’esperienza emozionante, o un momento incantevole, e decidiamo di aspettare, godendocelo in tutta la sua bellezza, prima di allungare la mano verso il cellulare per immortalare il momento. Forse proprio allora stiamo davvero facendo un passo verso l’autenticità, la felicità non esibita.

27 Dicembre vaccino Day

27 dicembre, il giorno della speranza 🌈

Tanti giorni distanziati, distaccati, isolati, divisi gli uni dagli altri. Divisi dalla nostra umanità, da noi stessi, dal nostro istinto di aggregazione. Affamati, tanto affamati di contatto umano. Oggi possiamo cominciare a sperare quello che fino a ieri sognavamo. Strade piene di gente, mani che si stringono forte, pacche sulle spalle ma soprattutto abbracci, tanti abbracci ma di quelli veri però, di quelli che scaturiscono dal cuore e vanno ad accarezzare le pieghe dell’anima. Io ci credo, ci voglio credere. Come dice Selvaggia Lucarelli, il vaccino me lo bevo come uno shortino!

Tutto il mio essere ha bisogno di abbracci, tutto il mio cuore ha la necessità di non dover più fare la conta dei morti, dei ricoverati, dei dimessi, dei nuovi contagiati e se nel vaccino c’è un microchip? Il 5G? Un impianto alieno? Beh, direi proprio un sonoro: “chi se ne frega”

VACCINO, LA NOSTRA SPERANZA

Alcune volte, non troppe a dire il vero sono stato bersagliato nella vita:
troppo piccolo
troppo magro
troppi brufoli
troppo…
ora, sono stato insultato per via della mia convizione che bisogna fare il vaccino..la differenza, dalle altre situazioni, è che questa non mi ferisce..mi rattrista solo molto.

Ma ragazzi, c’è una cosa positiva in tutto questo, mi sembra di capire leggendo i commenti sotto le foto dei primi vaccinati che un sacco di gente non si vaccinerà perché “sono cavie, Soros, chissà cosa c’è nella siringa, il 5g, meditate gggggente!”.
Questa è una bellissima notizia per noi altri. La fila per le vaccinazioni si accorcia, clamorosamente sfoltita dalla coglionaggine altrui.
Evviva!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: