Perché i grandi sogni, i più ambiziosi obbiettivi non possono essere S.M.A.R.T?

Quando ci poniamo degli obiettivi, possiamo ricorrere al famoso acronimo S.M.A.R.T. che ci suggerisce come formulare un buon obiettivo: S di “specifico“, M di “Misurabile“, A di “Accessibile, R di “Realistico” e T ovvero “Temporalmente ben definito“.

Questo è un ottimo metodo, lo seguo anche io per un buon 70-80 % dei miei obiettivi. La vita però non può essere vissuta rincorrendo soltanto questo genere di obiettivi.

Abbracciare questo metodo come unico criterio di vita spinge a inseguire obiettivi realistici, il che va bene ma rischia di farci guardare il mondo con un paraocchi: fare solo ciò che è possibile.

Quindi? S.M.A.R.T., sì, ma non sempre.

Almeno una parte degli obiettivi deve essere spregiudicata, coraggiosa, ambiziosa. I risultati più consistenti non sono stati portati da persone che si sono limitate a guardare la realtà in faccia per quello che era, ma hanno fatto un passo in più e si sono interrogate su come quella realtà si sarebbe potuta trasformare.

Si potrebbe replicare che porsi obiettivi troppo spregiudicati, può portare, proprio essendo irrealistici, a non realizzarli. Tutto questo ha senso, ma non dovrebbe interessarci. Perché? Perché tanto almeno metà dei nostri obiettivi fallirà. É una regola strutturale del gioco.

Siamo umani, è normale fallire. Prendiamo per esempio un’azienda tipo Google e pensiamo a quanti progetti abbandona ogni anno. Ricordate i “Google Glass”? Oppure “Google Plus”? Eppure, pur mancando questi colpi, Google tra poco arriverà a 2 miliardi di account mail attivi.

Pensiamo a Larry Page, che a metà degli anni Novanta decide di voler mappare il mondo e monitorare con il satellitare i movimenti delle automobili. Oggi ci sembra assolutamente fattibile e anzi normale, ma agli esordi questa cosa qui era tutt’altro che normale. Era un sogno folle. E se Larry Page fosse stato realistico? E se Nelson Mandela non avesse avuto sogni folli? E Gandhi o Elon Reeve Musk?

Una buona metà degli obiettivi deve restare S.M.A.R.T. Ma, la restante percentuale, deve essere fatta di obiettivi così grandi e ambiziosi da non avere la minima idea di come poterli raggiungere e realizzare. Anche se una parte abbondante di questi fallirà, quando ci si spinge in questo modo, sapendo che hai il permesso di fallire, succede qualcosa di magico: ci si concede di fare cose che altrimenti non faresti mai, le sfide ci fanno crescere e sperimentare.

Siate ambiziosi, sognate oltre l’ostacolo, abbiate il coraggio di inseguire obiettivi coraggiosi. Perché, come dico spesso ai miei assistiti:

La felicità si gioca proprio tra la paura di diventare chi sei e il coraggio di prendere quella decisione.

SE SEI INTERESSATO A CONOSCERE LA MIA ATTIVITÀ DI LIFE & MASTER COACH VISITA LA MIA HOME PAGE:

https://paolobranveneziani.com/home-page/

SEGUIMI SUL MIO PROFILO INSTAGRAM:

https://www.instagram.com/paolo_bran_veneziani/

Pubblicato da paolobran

#Coach, #giornalista, #brandambassador, #attualità #notizie, #salute #benessere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: