Si legge catcalling, si chiama molestia

In questi ultimi giorni è ritornato in voga più che mai il dibattito sul triste fenomeno del catcalling. Questa esplosione di interesse generale al tema è partita dalle stories su Instagram di Damiano Er Faina, il quale con nonchalance si è espresso con entusiasmo a favore del catcalling, sostenendo che non ci fosse alcun problema nel fischiare ad una ragazza per strada con tanto di urlo finale “Aaa bella”.

Il fischio che di solito viene riservato ai nostri fedeli barboncini domestici, secondo l’influencer in questione è una pratica normale che non dovrebbe recare fastidio a nessuna donna. Sorvolando sul discorso della responsabilità sociale che una persona con 1mln di followers (tra l’altro molti dei quali giovani) dovrebbe avere, mi soffermerò sulla molestia di strada di per sé: in particolare sui fischi, il suono del clacson e i bacetti indesiderati… Fischiare è di per sé un atto generalmente dedicato agli animali e non di certo alle persone, non comprendo dunque il gesto di fischiare ad una persona, al di là del fatto che sia uomo o donna: alle persone non si fischia, le si chiama per nome. Il fischio è una vera e propria mancanza di rispetto che spersonalizza l’individuo in questione e lo mette in imbarazzo, in qualsiasi contesto o luogo è una cosa da non fare, ciò a mio avviso supera anche il concetto “uomo – donna”, è una cosa universale – ergo vale per tutti. Per non parlare del suono del clacson, quest’ultimo atto indegno che purtroppo riguarda soprattutto le donne… questo richiamo sonoro (indesiderato) con tanto di commenti volgari che ricorda molto quelle dinamiche da medioevo: la donna sotto il controllo dell’uomo, il corpo femminile puramente strumentale al piacere maschile.

Stesso concetto vale per i bacetti lanciati per strada anch’essi solitamente dedicati agli animali domestici, rientrano nella logica del possesso e dell’oggettificazione sessuale della donna, come se quest’ultima non possedesse una testa e una sua personalità.

Sullo sfondo di tutte queste molestie di strada al limite della decenza, l’Italia è uno dei pochi paesi civili a non avere una legge che tuteli le vittime di catcalling. In Francia è reato, stessa cosa nelle Filippine e in alcuni stati degli Stati Uniti. E non solo, è punibile legalmente anche in Belgio e in Portogallo. L’Italia purtroppo come in molte altre battaglie per i diritti (vedi la legge Zan) è rimasta indietro di molti anni, queste richieste sacrosante per la sicurezza di tutti, sono infatti considerate superflue e non strettamente necessarie. Mi ritornano in mente le parole di Sara Grama, intervistata qualche giorno fa da Propaganda Live La7, parlando di Ius Soli e Ius Culturae ha detto : “E’ sempre un buon giorno per occuparsi di diritti”. Non posso che non darle ragione, ci saranno sempre questioni più grandi, problemi più grandi… ciò non vuol dire che non dobbiamo più occuparci dei diritti delle persone, i paesi civili si fondano sui diritti e sulla garanzia di questi ultimi. Mi auguro infatti che si cominci a parlare sempre di più dei diritti e in particolare che la sinistra di questo paese riprenda in mano il tema che da troppo tempo ha perso di vista.

Abbiamo bisogno di una classe dirigente che sia in grado di captare i malesseri del nostro tempo, anche quelli morali e personali. Le persone vivono anche e soprattutto di individualità, modo di essere ed espressività: non possiamo pensare di non tutelare queste sfere essenziali della vita.

Allo stesso modo però abbiamo anche bisogno di “ rieducare “ noi stessi, i nostri comportamenti e per farlo abbiamo bisogno di saper entrare in empatia con gli altri, dobbiamo sentire la necessità di dare il giusto peso alle parole e ai gesti che compiamo.

La politica si muova al passo con i tempi, le legislazioni cambino a seconda del periodo storico, abbiamo bisogno di leggi contro le molestie di strada tanto quanto come quelle contro le discriminazioni nei confronti della comunità Lgbtq+… È sempre un buon giorno per occuparsi di diritti, cominciamo da oggi e cominciamo partendo da noi.

Grazie a chiunque vorrà aderire anche solo condividendo. La sensibilizzazione su queste tematiche è una cosa che ci fa onore e ci rende degli esseri umani migliori.

Pubblicato da paolobran

#Coach, #giornalista, #brandambassador, #attualità #notizie, #salute #benessere

One thought on “Si legge catcalling, si chiama molestia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: