Ecospiritualità, cos’è e come applicarla

L’eco spiritualità collega la scienza dell’ecologia con la spiritualità. Si può definire in modo generale come una “manifestazione della connessione spirituale tra gli esseri umani e l’ambiente”.

Non importa la fede di provenienza, sia essa Cristianesimo, Islamismo, Buddhismo, Neo Paganesimo o altre religioni, l’ecospiritualità riconosce la relazione spirituale di tutti gli esseri umani con l’ambiente.

Di conseguenza, l’attuale crisi ecologica che indubbiamente è sotto gli occhi di tutti noi, dimostra una sempre più forte crisi spirituale.

La crisi ecologica a cui siamo andati incontro rende necessaria una riconcettualizzazione del rapporto dell’uomo con l’ambiente.

La prospettiva moderna che si basa sulla scienza e si concentra sull’uomo, mentre tutto il resto è al di fuori, ha mostrato i suoi limiti.

Ha avuto e continua ad avere effetti disastrosi.

Pertanto l’ecospiritualità ha origine dalla confutazione dell’enfasi posta dalla società sul materiale e dalla separazione dell’uomo dall’ambiente, visto quest’ultimo, come un insieme di risorse principalmente da utilizzare a proprio vantaggio e non come risorsa con la quale interagire e rapportarsi in maniera armonica.

Vivere l’ecospiritualità nel quotidiano

L’uomo che realizza e vive l’esperienza del silenzio interiore, soprattutto usando i metodi della meditazione, dell’ascolto profondo, della profonda osservazione e dello sviluppo dell’empatia, tende a stabilire naturalmente una modalità creativa di tipo armonico nel rapporto con l’ambiente nel quale si identifica, in concreto, nel tema della proposta dell’ecospiritualità.
La vivibilità dell’ambiente e’ il riflesso dell’esperienza vissuta nel silenzio interiore. Un ambiente armonico, nel rispetto delle forme e delle necessità della natura, e’ il riflesso della spiritualità-equilibrio interiore vissuta dall’uomo che ha realizzato una sua armonia interiore.
A sua volta l’ambiente puo’ influire sull’individuo. Se l’ambiente e’ degradato, ovvero non e’ armonico, puo’ suscitare il degrado della mente, della cultura e degli orientamenti spirituali.
L’applicazione dell’ecospiritualità puo’ esprimersi dalla sfera individuale alla natura in cui l’uomo vive, sino allo sviluppo del suo rapporto con il trascendente:


a) nell’alimentazione, usando prodotti naturali, la cui produzione non forzi l’ecosistema e i ritmi della Natura


b) nel rapporto armonico con le altre creature viventi del pianeta


c) nel rispetto di Madre Terra, osservando i suoi cicli e le specifiche prassi della natura


d) nella socialità in un rapporto armonico con gli altri che porti alla costruttività e al soddisfacimento reale dei propri bisogni


e) nella abitabilità (gli ambienti malsani producono riflessi negativi sulla salute dell’uomo)


f) nel mantenimento dell’equilibrio psicofisico dell’individuo


g) nella prevenzione e nella cura armonica delle malattie (prevenire e curare nel rispetto della dignità dell’individuo attraverso terapeutiche a misura dello stesso)


h) nell’espressione di rapporto artistico con la natura (poesia, musica, pittura, scultura) non per possedere le forme ma per rapportarsi con l’esistenza attraverso di esse

i) nella sistemazione dell’ambiente (il bello nell’equilibrio e nell’armonia delle forme arricchisce la mente e fa vivere l’uomo dignitosamente e felice) utilizzando il concetto di vuoto e di pieno


l) nell’utilizzo armonico delle risorse naturali e umane


m) nel mantenimento del proprio equilibrio interiore lasciando esprimere senza morali costrittive i bisogni creativi della mente


n) nella realizzazione del silenzio come qualità di riferimento alla propria esperienza di armonia e conoscenza attuabile con la meditazione, con la musica del Vuoto


o) nella conoscenza dello stato della realtà dello Shan ( antico termine dello Shamanesimo solare, lo Shan è lo stato di realtà naturale dell’uomo in cui ognuno può trovare armonia e conoscenza. La partecipazione e il riferimento a questo valore assoluto di realtà può dare significato e benessere all’esistenza umana, come riferimento e significato del proprio essere e delle proprie modalità creativa

p) nel proteggere, preservare ed onorare, luoghi un tempo considerati sacri, appartenenti a qualsiasi religione o filosofia, diventandone a propria volta, loro inconsapevoli studenti.

Buona ecospiritualità a tutti 🌍

Pubblicato da paolobran

#Coach, #giornalista, #brandambassador, #attualità #notizie, #salute #benessere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: